Quando parto per un viaggio lascio sempre un pochino di spazio in valigia, non solo perché so che acquisterò qualcosa sul luogo dove sono diretta, ma perché voglio che quella stessa valigia faccia ritorno piena di ricordi ed emozioni. Nizza viaggio e romanticismo è stata esattamente così.

Sono partita senza sapere cosa aspettarmi dalla Côte d’Azur. Ne avevo sentito molto parlare per la Promenade des Anglais ossia la Passeggiata degli inglesi oltre che per la sua spiaggia interminabile, ma cosa potevo mai trovare nel periodo natalizio? Arrivata in hotel dopo un viaggio in macchina, partenza Milano, avevo solo voglia di riposarmi e godermi un ottimo caffè.  Entrata in camera effettivamente ce n’era uno di benvenuto dal profumo invitante che mi aspettava all’hotel Boréal, ma tutto ciò che ho fatto in realtà è stato rinfrescarmi e prepararmi a godere questa città.

hotel Boréal nizza

La prima cosa che abbiamo fatto, come avrete capito non ero da sola, è stata andare a prenotare la Côte d’Azur Card che consiglio vivamente, permette non solo di poter utilizzare tutti i mezzi pubblici per spostarsi, ma anche prendere il city bus oppure il trenino per fare il tour della città, visitare i musei ed il casinò, oltre ad avere accesso al casinò di Montecarlo. Vi posso assicurare che conviene in quanto è possibile fare diverse cose e la trovate in diverse versioni di tempo e prezzo. Noi abbiamo attivato quella che durava due giorni e ce la siamo goduta a pieno.

Oltre a questo avevamo anche un giro se non ricordo male di 30min da poter fare sul segway, noi abbiamo usato il buono per la parte che copriva e abbiamo aggiunto altri 30min di puro divertimento. Non vi dico come mi sentivo imbranata essendo per me la prima volta che provavo ad andare, ma l’ho amato molto, nonostante il freddo esplorare le vie della città, passando dalla zona mare all’interno della stessa mi ha fatto capire che Nizza è una città da visitare. Di primo impatto ti sembra quasi di non aver nulla da vedere oltre il lungomare e la città vecchia, invece ci si sbaglia. Place Massena ampia e bella viene considerato il fulcro della città, collega il centro di Nizza sia con la città vecchia che con il lungomare.

Di sera Place Massena diventa ancora più magica, i lampioni assumono ognuno un colore differente e la vicina Promenade du Paillon sembra danzare nell’oscurità dalle fontane d’acqua, che si illuminano con i colori della bandiera francese.

Nizza viaggio e romanticismo: I love Nice!

Nizza

Bello e magico è stato il tour a Montecarlo, si percepisce proprio la ricchezza che circonda la città, non solo per le macchine ed i negozi presenti sul luogo, ma e soprattutto per la sua bellezza.

Già che eravamo a fare i turisti per caso non potevamo certo non visitare il famoso Casinò! Certo che no, simbolo dell’élite del Principato fa bella mostra nell’omonima piazza, ornata da una maestosa fontana e da un parterre di auto di lusso che sembrano messe lì di proposito. Il Casinò fa parte di un complesso che comprende anche il Grand Théâtre, che si trova di fianco. Devo dire che al casinò di Montecarlo non ho giocato, ma ho provato a tentare la fortuna una sera in quello di Nizza, che anche se non maestoso come quello di Montecarlo, fa la sua bella figura. Sono rimasta scioccata dalla rapidità con la quale le persone spendevano migliaia di euro in una sola notte. Volete sapere se ho vinto? Beh devo dire di sì, sono tornata a casa con 25€ in più 🙂 Posso dire di essere diventata ricca!

Altra cosa che dovete assolutamente vedere se vi trovate a Montecarlo è il museo Oceanografico, offre ai visitatori ben 6.500 mq di spazio in cui sono accolte oltre 6.000 specie marine tra squali, tartarughe, pesci del Mediterraneo e dei Tropici e perfino una barriera corallina che si sviluppa felicemente in queste acque dal 1989.

Casinò di Montecarlo Principato di monaco oceanografico

Una delle cose che non potevamo non visitare invece è il Palazzo dei Principi che domina il mare e il territorio dal 1191. La residenza ufficiale del Principe di Monaco sorge infatti sui resti di una fortezza genovese e dal 1297 è di proprietà della famiglia Grimaldi. Peccato che il Palazzo sia aperto alle visite solo nel periodo estivo, non nego che mi sarebbe piaciuto vederlo anche all’interno. Ogni giorno alle ore 11.55 nel cortile si tiene la cerimonia del cambio della guardia.

Antibes

Il bello di quando si è in vacanza è che le giornate scorrono lente, hai tempo e modo di assaporare quello che vedi e di pensare a quello che vorresti vedere. Il bello di poter far collazione con pain au chocolat senza preoccuparti di far tardi, oppure assaggiare i vari gusti dei macarons che tanto buoni solo i francesi sanno fare. Bellissimo ed impressionante il profumo che si sentiva nel mercato dei fiori, non avevo mai visto tanta gente avere sotto il braccio la baguette e il mazzo di fiori profumati.

Se devo però essere sincera la cucina Niçoise non mi ha lasciata positivamente impressionata. Sarà forse che noi abbiamo mangiato nei posti sbagliati, ma mi rifarò sicuramente. Se volete saperla tutta la sera che abbiamo mangiato meglio è stato al ristorante Indiano. Però una cosa non potevo non assaggiare, la Socca.

Come si prepara la socca di Nizza?

A vederla altro non sembra che la farinata, è fatta con la farina di ceci, acqua, olio, sale e pepe. Non importa se sia o no come la farinata, sta di fatto che è buona ed è uno dei Street food di Nizza, la città della Costa Azzurra. Buona da mangiare intanto che si passeggia tra una via e l’altra ammirando i negozi della città vecchia.

Nizza viaggio e romanticismo: I love Nice!

cosa mangiare a nizza

Termino questo racconto lasciandovi qualche foto degli outfit che ho indossato in giro per Nizza, come ben sapete sono una che soffre terribilmente il freddo.

Al prossimo viaggio! Fatemi sapere cosa ne pensate.

Baci da Nizza!

-Blery-

Outfit

You May Also Like